Come coltivare i Lithops

Guida completa su come coltivare i Lithops

Originarie del Sudafrica, queste piante si distinguono per la loro forma insolita,
per la loro capacità di mimetizzarsi perfettamente con il terreno circostante e la loro
abilità di sopravvivere in ambienti aridi e secchi.

Il genere Lithops appartiene alla famiglia delle  Aizoaceae.

La denominazione “Lithops” ha radici nella lingua greca, con “lithos” che significa pietra e “opsis” che si riferisce all’aspetto. Questa denominazione è dovuta alla loro notevole somiglianza con le pietre, motivo per cui sono comunemente chiamate “pietre vive” o “sassi viventi.

Ciascuna pianta si compone di una coppia di foglie succulente chiamate “lobi”, connesse alla base di un breve fusto conico e fuse insieme lungo le pareti esterne.

Il fusto, quasi completamente sotterrato, emerge dal suolo per pochi millimetri, e la parte superiore delle due foglie presenta una sorta di “finestra”, un’area priva di clorofilla che filtra la luce, consentendole di penetrare all’interno della pianta.

I fiori, simili a margherite, sono ermafroditi e solitari, con dimensioni fino a 4-5 cm di diametro.

Essi sbocciano dalla fessura tra le due foglie con un breve picciolo, la colorazione varia a seconda della specie, spaziando dal bianco al giallo, talvolta con una parte centrale bianca.

La fioritura avviene dopo la stagione delle piogge, generalmente da settembre a novembre nelle regioni di origine.

La muta dei Lithops

Una caratteristica peculiare dei Lithops è la muta delle foglie, un processo che si verifica in tempi variabili (comunque durante l’inverno), dipendendo dalla specie e dall’età della pianta.

La muta è il momento in cui la pianta, in pratica, si rigenera e si perpetua.

Le foglie più vecchie si disidratano fino a seccarsi completamente, mentre contemporaneamente una nuova coppia di foglie inizia a svilupparsi dal fusto sottoterra.

Durante la crescita, le nuove foglie si apriranno letteralmente attraverso le vecchie, che nel frattempo si saranno appiattite.

Una volta che le nuove foglie saranno completamente formate, le vecchie foglie si seccano completamente e possono essere facilmente staccate delicatamente con le dita (operazione da eseguire solo quando le foglie sono completamente asciutte!).

È di vitale importanza astenersi dall’irrigare la pianta durante questo processo di muta.

Durante questa fase, i Lithops non vanno irrigati.
Le nuove foglie attingono liquidi e nutrimenti da quelle vecchie.

Come coltivare i Lithops

come coltivare i lithops

Per coltivare i Lithops è importante fornire loro un substrato ben drenato, composto da una miscela di sabbia o inerti porosi, terriccio universale o specifico per piante succulente.

3/4 parti inerti (sabbia, oppure lapillo o pomice)

1 parte di terriccio universale o specifico per piante grasse.

Ti rimando alla nostra guida su come preparare il terriccio per le piante grasse.

Il terriccio deve consentire alle radici di assorbire l’acqua necessaria senza che le piante rischino di marcire.

Temperature Lithops

I Lithops preferiscono temperature moderate, in inverno la temperatura minima di 4-5 °C.
Se il terriccio è asciutto, alcune varietà resistono a temperature sotto 0 °C

Esposizione Lithops

Per quanto riguarda l’esposizione dei Lithops, il mio consiglio è quello di esporli al pieno sole, tranne nel periodo estivo, è importante proteggerli dai raggi diretti del sole nelle ore più calde della giornata,

Quando innaffiare i Lithops

L’irrigazione dei Lithops è un aspetto molto importante della loro coltivazione.

Queste piante sono infatti in grado di sopravvivere a lunghi periodi di siccità, ma richiedono una quantità adeguata di acqua durante il periodo di crescita attiva.

È importante non innaffiare troppo frequentemente i Lithops, poiché questo può causare la marciume.

L’irrigazione dei Lithops dovrebbe essere effettuata solo quando il terreno è completamente asciutto.

In inverno l’irrigazione va sospesa, la maggior parte dei Lithops va in riposo, in questo periodo non crescono.

Quando concimare i Lithops

I Lithops non richiedono fertilizzanti frequenti, ma una piccola quantità di concime per piante succulente può essere applicata una volta all’anno durante il periodo di crescita in primavera.

Ti rimando alla nostra guida su come concimare le piante grasse.

In generale, è importante evitare di sovra-fertilizzare i Lithops, poiché questo può causare danni.

Come propagare i Lithops

Per propagare i Lithops, è possibile utilizzare i semi o dividere le piante esistenti.

I semi vanno seminati in superficie su un substrato ben drenate, solitamente si seminano nei mesi di Marzo e Aprile.

Le piante giovani possono essere trapiantate in vasi più grandi man mano che crescono.

Cura e manutenzione Lithops

Un altro aspetto importante della coltivazione dei Lithops è la loro cura.

Queste piante richiedono poca manutenzione, ma è importante rimuovere le foglie morte o danneggiate per evitare la formazione di muffa o insetti dannosi, come cocciniglie cotonose.

Conclusioni

In generale, la coltivazione dei Lithops richiede una certa esperienza e attenzione, ma con le giuste cure e l’ambiente adatto, queste succulente possono dare delle belle soddisfazioni.

Speriamo che la nostra guida su come come coltivare i lithops ti sia stata utile.

Se vuoi cimentarti nella coltivazione di queste succulente, puoi acquistare i Lithops nel nostro catalogo online.

Grazie per averci seguito 👋

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *